VITO CRIMI (M5S): MAMME E POVERI VIA DAL PARLAMENTO

Beppe Grillo, in provincia di Bari, a Corato ad un comizio ha detto che il M5s è “davvero l’unica forza in questo vuoto di democrazia: se non ci affermiamo noi arrivano le barricate. Noi dei 5 Stelle la rabbia la stiamo tenendo, senza di noi esploderà. E dovrebbero ringraziarci, dirci ‘grazie che ci siete, visto che possiamo avere un dialogo”.

Il cittadino-senatore-capogruppo-pentastellato, Vito Claudio Crimi, si lascia andare a dichiarazioni inverosimili in tv e sulla stampa.

A Lucia Annunziata ha descritto Grillo come un padre amorevole nei confronti del figlioletto (il Movimento) che gattona.

È chiaro che, finché il pargolo impara a camminare, i cittadini italiani e i loro problemi possono aspettare.

Ma di peggio è quanto riferito dai giornali in ampi virgolettati: Crimi ritiene che le donne che hanno bambini piccoli o problemi economici (sempre per risparmiare i soldi delle diarie) non dovrebbero nemmeno essere elette.

Cosicché, anzitutto le donne dovrebbero tornare a casa a fare la calza, e i poveri, poi, dovrebbero rinunciare per sempre alla politica, lasciando decidere tutto a papà Beppe, che per fortuna problemi di soldi non ne ha.

mader

One thought on “VITO CRIMI (M5S): MAMME E POVERI VIA DAL PARLAMENTO

  • 15 Maggio 2013 in 22:37
    Permalink

    davvero poco da commentare, articolo ridicolo fuori contesto.
    Si vede che di preferisce una bella ammucchiata di comunisti e anticomunisti che piuttosto che rinunciare a privilegi e potere si fidanzano alla luce del sole e danno addosso al M5S che rinuncia a finanziamenti pubblici e si riduce lo stipendio, portando in parlamento le vere esigenze dei cittadini e non le beghe giudiziarie di qualcuno, ad esempio…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *