VITO CRIMI CONTRO LA TRIBÙ DEI PIEDI SCALZI E SPORCHI

Un amico del senatore grillino Vito Crimi, di Ghedi, tornato a casa dopo le vacanze ha scoperto che i pavimenti erano sporchi e che “annerivano” i piedini del figlio.

Si rivolge a Crimi, che dalla sua pagina Facebook, ne da subito informazione a tutto il popolo pentastellato, con la premessa (meno male) di leggere prima di ridere. Scatenato il web.

LEGGETE, PRIMA DI RIDERE
Un amico che risiede a Ghedi, in provincia di Brescia, ci ha inviato questa lettera. Vi invito a leggerla.
«Ciao a tutti, molti di voi rideranno guardando l’immagine allegata.
Penserete forse che il caldo di questi giorni mi abbia dato alla testa o che si tratti semplicemente di uno scherzo di cattivo gusto.
Purtroppo la realtà supera spesso la fantasia e in questo caso la realtà potrebbe essere più grave di quello che si pensi.
Non si tratta di semplice allarmismo ma di una preoccupazione che cresce sempre più. Di fronte alla salute dei propri cari pur di lanciare un allarme a chi di dovere si corre il rischio di coprirsi di ridicolo.
Ma veniamo ai fatti.
Dopo le vacanze al mare siamo ritornati a casa a Ghedi. Premetto che prima di andare via la casa era in perfetto ordine (metti che i ladri trovino la polvere sui mobili o il pavimento sporco…). Come è normale tutti gli scuri erano chiusi ma dietro qualcuno di essi qualche porta è rimasta socchiusa per favorire un minimo di ricambio dell’aria di casa.
Ebbene dopo due settimane ecco quello che si è depositato sul pavimento di casa e raccolto dai piedini di mio figlio. Quello che mi spaventa è che non si tratta della normale polvere. E’ una polvere nera e sottile, più fine della fuliggine. Sembrano i piedi di uno spazzacamino. Peccato che questa volta le polveri sono contenute nell’aria che respiriamo e che finisce nei nostri polmoni.
C’è da dire che non viviamo nei pressi di una fabbrica o di una fonderia per cui credo che sia effettivamente quello che circola nell’aria. E questo fa paura.
Cosa possiamo fare? Innanzitutto capire se e come deve essere monitorata la qualità dell’aria. Cosa si misura, con quale frequenza, quali sono i valori di soglia e se i dati debbano essere pubblici oppure no.
Il mio sogno, per tutelare la salute dei nostri cari, sarebbe quello di indire un concorso pubblico di idee in cui vengano presentati progetti di dispositivi basati sull’utilizzo di materiale a basso costo (Raspberry/Arduino/sensori) che possa pubblicare in autonomia i dati raccolti 24 ore al giorno 7 giorni su 7. Soprattutto che questi dispositivi possano essere collegati e monitorati mediante una piattaforma online accessibile da tutti.
A presto»

Immediate e copiose, oltre 1500, le prese in giro della comunità di Facebook, tra cui:

“Cambia detersivo, a ‘bbello…e magari anche pusher”

“È tutto vero! È un inquinante pazzesco, i governi non vogliono che si sappia perché scoppierebbe il caos! Anche io ho fatto la prova in casa, se non pulisci dopo alcuni giorni si deposita su ogni superficie!! Ho letto su un blog che si chiama polvere”.

“crimi, sarà mica stato il bilderberg a spargere le polveri sottili? ti consiglio un’immediata interrogazione parlamentare, le lobby dei pavimenti sporchi devono essere smascherate”.

“Grazie Creamy, dopo mani pulite e’ giusto pretendere piedi puliti”.

“Crimi la tua coglionaggine non si smentisce mai”

“Comunque ti prego dimmi che ti hanno hackerato il profilo. Non voglio credere che con le mie tasse sto contribuendo a darti 10000€ al mese”.

“stavo pensando che se vi avessero sorteggiato a caso tra tutti gli italiani probabilmente ne avremmo beccati di migliori, ma è quello che in realtà è successo effettivamente con le votazioni sul blog, chi cazzo vi conosceva prima che entraste in Parlamento e cominciaste a sparare manchiate a caso? Siete la perfetta rappresentazione dell’italiano medio e il motivo per cui sto Paese merita il default. Fiero di non aver pensato neppure per un attimo di darvi il mio voto”.

“Caro Vito, io ci provo a non ridere dopo ogni cazzata che pubblichi… ma non ci riesco!!! È più forte di me…. L’unica cosa che mi fa smettere di ridere è il pensiero che tu sei un parlamentare della Repubblica Italiana, pagato coi soldi nostri, e tutto quello che sai fare è pubblicare stronzate su FB!!! Miracolato!!!!”

“Ora tutta la rete sa che a Ghedi c’è un bimbo coi piedi piatti. Spero che quando sarà adulto denunci suo padre e Vito Crimi”

“E comunque se il papino in questione si preoccupa della polvere dopo due settimane che i pavimenti non sono lavati anziché dei piedi piatti di suo figlio, io chiamo gli assistenti sociali”

“Ah, il m5s ha scoperto la polvere. Stanno troppo avanti. Leggete prima di ridere, ma qua c’è piuttosto da piangere. Chissà che scoop quando scopriranno la ruota e il fuoco”

mader

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *