VIRGINIA RAGGI VUOLE IMBAVAGLIARE I GIORNALISTI

image_pdfimage_print
Virginia Raggi,  all’indomani dell’ennesimo cambio d’assessori ha deciso di imbavagliare la libera informazione. In agosto infatti, quando le aule erano chiuse e la città si trovava a fare i conti con la siccità e il malfunzionamento dell’Atac, il Sindaco pentastellato ha trovato il modo e il tempo di elaborare una proposta di delibera per modificare il regolamento sulla trasparenza amministrativa e imbavagliare, una volta per tutte, la stampa.

Il provvedimento che presto approderà all’Assemblea, introduce due nuovi articoli al regolamento sulla trasparenza varato nel 2003. Questi sono il 39 e il 40 e mirano a limitare  la l’accesso agli atti comunali da parte dei giornalisti, consiglieri, assessori e presidenti di Municipio.
In particolare, l’articolo 39 riguarda i rapporti con i media e i social network, questo stabilisce che
i dirigenti chiamati all’attuazione delle diverse forme di accesso agli atti tengono in considerazione il rilievo pubblico, il potenziale uso strumentale e il danno all’immagine che le risposte dell’amministrazione possono generare attraverso la loro pubblicazione sui social network, sui blog o sulle piattaforme web realizzate per la promozione e la difesa del diritto d’informazione”.
Con l’articolo 40 invece, il Sindaco 5stelle intende limitare l’accesso agli atti da parte degli amministratori municipali. Insomma quello che accade al  Campidoglio, deve rimanere al tra quelli che al Campidoglio sono iscritti al blog. Questo divieto è celato dietro il “principio” dell’aggravio ingiustificato. Si legge infatti, nell’articolo 40, che
le richieste dei consiglieri, assessori e presidenti, non devono costituire un aggravio ingiustificato per gli uffici.
Quali siano però i criteri in base ai quali una richiesta di accesso agli atti venga bollata  come aggravio ingiustificato e soprattutto chi sia il personale deputato alla sentenza, per ora, non è dato saperlo.
Dura la risposta della Fnsi. In una nota Giuseppe Giulietti e Raffaele Lorusso presidente e segretario generale, affermano:
«Verità, trasparenza e pubblicità degli atti sono i pilastri della buona amministrazione. Il Movimento 5 Stelle si fa paladino di questi principi, ma soltanto quando ad amministrare sono gli altri. Per i propri amministratori deve invece valere la regola opposta: quella dell’opacità e dell’insabbiamento degli atti».
«La bozza di regolamento che la sindaca Virginia Raggi e la giunta capitolina si apprestano a varare – proseguono – ne è un esempio lampante, oltre che pericoloso. In un sol colpo, infatti, la sindaca pensa, sbagliando, di poter impedire ai giornalisti di accedere agli atti, e quindi di informare i cittadini sull’attività del Comune di Roma, ignorando principi costituzionali, trattati internazionali e leggi dello Stato».

L’auspicio, concludono i vertici del sindacato dei giornalisti, è che «quelle norme bavaglio restino quello che sono: il sogno di mezza estate della sindaca e della sua giunta. In caso contrario, la Fnsi non esiterà ad agire in tutte le sedi considerata la palese violazione del diritto dei giornalisti ad informare e dei cittadini ad essere informati».

mader
Fonte: Lineapress.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *