TRIA: LIVELLO SPREAD INSOSTENIBILE A LUNGO. SCONTRO CON CASALINO

Un livello dello spread a 320? Non è la febbre “a 40 ma neanche a 37. È un livello che non possiamo mantenere molto a lungo, non tanto per l’impatto sugli interessi sul debito che è molto lento, ci vogliono quasi sette anni perché si trasmetta su tutto lo stock, ma uno spread alto pone un problema per il sistema bancario, per la parte più debole”.

E ancora: “Non ci sono motivi” che giustifichino questi livelli di spread: “I fondamentali dell’Italia sono solidi”. Il problema “è l’incertezza politica”. Lo ha detto il ministro dell’economia Giovanni Tria a Porta a Porta.
In un’intervista a Famiglia Cristiana tornando sulle parole del portavoce della presidenza del Consiglio Rocco Casalino in merito all’operato del Mef e dei suoi tecnici (“Se poi all’ultimo non escono i soldi per il reddito di cittadinanza, tutto il 2019 sarà dedicato a far fuori quei pezzi di m… del Mef”), Tria ha commentato: “Non desidero commentare volgarità e minacce contro funzionari dello Stato, specie se questi ricoprono una funzione di garanzia ed indipendenza universalmente riconosciuta e prevista dall’ordinamento”.
“L’audio rubato al Portavoce del Presidente del Consiglio, Rocco Casalino, è un’altra vergognosa pagina di giornalismo. Quelle parole erano dette in privato e tali dovevano rimanere. Non si trattava affatto di minacce ma il Portavoce riportava quella che è la linea del Movimento 5 Stelle, perché tutto il Movimento è convinto che alcuni tecnici del Mef non svolgono il proprio ruolo con indipendenza e professionalità. Ci sorprende che il ministro Tria invece di fare valutazioni di merito e pulizia nel suo Ministero li difenda a prescindere”, la replica in una nota del Movimento 5 Stelle.
“Non ho nulla da aggiungere rispetto a quanto affermato un mese fa. Già in quell’occasione ho espresso piena fiducia al mio Portavoce Rocco Casalino”, dichiara il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.
Fonte: Il Sole 24 Ore
Video: Tg2000

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *