SOLO 8 RIGHE PER IL SUD NEL CONTRATTO PENTA-LEGHISTA

image_pdfimage_print
Il contratto M5S-Lega consiste in ben 57 pagine, 30 punti. Alla voce “Sud” vengono dedicate solo 8 righe.

“Con riferimento alle Regioni del Sud, si è deciso, contrariamente al passato, di non individuare specifiche misure con il marchio “Mezzogiorno”, nella consapevolezza che tutte le scelte politiche previste dal presente contratto (con particolare riferimento a sostegno al reddito, pensioni, investimenti, ambiente e tutela dei livelli occupazionali) sono orientate dalla convinzione verso uno sviluppo economico omogeneo per il Paese, pur tenendo conto delle differenti esigenze territoriali con l’obiettivo di colmare il gap tra Nord e Sud”.

Le elezioni del 4 marzo scorso hanno spaccato in due l’Italia.
Il Movimento 5 Stelle ha raccolto proprio nel meridione più consensi: in media oltre il 40% dei voti in tutto il Sud sono confluiti nel M5S, con punte anche del 48% in Campania e Sicilia. E si è detto anche che il motivo di questo trionfo è stata una campagna elettorale pensata per intercettare gli elettori del Sud, con l’introduzione del reddito di cittadinanza sbandierato come la panacea per tutti i mali. E dopo le promesse sembra che la via per le politiche ad hoc per il Mezzogiorno non sia nemmeno chiusa per lavori in corso: è stata semplicemente accantonata, con un capitoletto che pare aggiunto in extremis, per non farla troppo grossa. Ma i proclami dei giorni scorsi facevano immaginare qualche correzione della bozza a favore del Sud. Purtroppo nemmeno la tirata di orecchie di Mara Carfagna e Giorgia Meloni è servita: la leader di FdI lamentava proprio l’eccesso di assistenzialismo e la mancanza di risposte adeguate sul lavoro: “se i 17 miliardi di euro che si vogliono investire sul reddito di cittadinanza si investissero sulle imprese che assumono, probabilmente si darebbe ai cittadini un futuro di dignità che l’assistenza difficilmente genera”. Critiche che sono servite appunto ad aggiungere con un tratto di penna giusto qualche riga riparatoria.
Le idee positive per il Mezzogiorno ci sono e sono state inserite, come il rafforzamento dei Centro per l’impiego, il cui potenziamento è direttamente collegato al reddito di cittadinanza. Secondo le stime 13 miliardi saranno destinati proprio alle famiglie povere del Meridione. Ma la misura rischia di rimanere appunto un mero sussidio senza un piano specifico di investimenti alle imprese. Le carenze strutturali che fanno del Sud Italia un macchina con dotazioni di partenza più deboli rispetto al Nord, necessita prima di tutto di infrastrutture. Nel contratto alla voce “Trasporti infrastrutture e telecomunicazioni” si legge genericamente: “I principali porti italiani debbono avere lo status di porti gateway (aree di sdoganamento merci) e non porti transhipment (di solo passaggio tra una nave e l’altra)”, e poi ancora: “È necessario inoltre favorire lo switch intermodale da gomma a ferro nel trasporto merci investendo nel collegamento ferroviario dei porti italiani. Per ciò che concerne il trasporto ferroviario regionale, un primo importantissimo passo da compiere per rispondere ad una esigenza di mobilità veloce, sicura e a basso impatto ambientale è rappresentato dall’ammodernamento nonché potenziamento delle linee ferroviarie preesistenti”. Ma appunto mancano riferimenti precisi alle aree su cui saranno concentrate le risorse.
Fonte: Fanpage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *