ROMA E I RIFIUTI, I 5 STELLE LANCIANO IL FAI DA TE: SPAZZARE DAVANTI CASA. I PRESIDI MINACCIANO CHIUSURA SCUOLE

Coinvolgere coloro che abitano o hanno negozi sulla strada nello spazzamento del marciapiede davanti alle loro attività commerciali o abitazioni. È uno degli indirizzi della proposta di delibera presentata dal Movimento 5 Stelle di Roma in tema di rifiuti.

Il testo, che dovrebbe essere trattato in assemblea capitolina l’8 gennaio, annuncia anche il recepimento delle sanzioni introdotte per legge nel 2015 che prevedono multe anche per chi getta i mozziconi di sigaretta per terra.
La Capitale sotto le feste – scrive il sito Rainews.it – ha visto esplodere una situazione di caos nella raccolta dell’immondizia, con cassonetti stracolmi e sacchetti in strada. Una condizione che ha spinto le due attrici Maria Amelia Monti e Anna Finocchiaro a realizzare un video-sketch sui social intitolato ‘La Grande Mondezza’. “Come la fate voi la differenziata a Roma?”, inizia così il dialogo ironico tra le due protagoniste.
Ora l’assemblea capitolina si appresta ad affrontare il tema della pulizia urbana anche con questo provvedimento proposto dai 5 stelle. Mentre per il 15 gennaio è stato fissato, su richiesta di Fdi, un consiglio straordinario sull’emergenza rifiuti e sulla situazione dell’Ama, l’azienda capitolina preposta alla raccolta. La proposta è stata firmata dai consiglieri pentastellati Simona Ficcardi, Roberto Di Palma, Daniele Diaco e Pietro Calabrese ed è stata calendarizzata, insieme ad altre, in Aula Giulio Cesare l’8 gennaio, alla ripresa delle attività consiliari. “Ulteriore specifico titolo del regolamento dovrà essere dedicato all’organizzazione del servizio, che disciplinerà le dotazioni e le collocazioni dei contenitori stradali e la dotazione, collocazione e movimentazione dei contenitori per la raccolta domiciliari”, si spiega.
Altro criterio indicato è “coinvolgere i frontisti (le utenze a fronte strada, ndr) siano essi utenze domestiche che non domestiche, nelle attività di spazzamento del fronte stradale antistante, fino alla congiunzione con la sede stradale, per agevolare le successive operazioni”. Roma in quest’ultimo caso, come sottolineano fonti capitoline, non sarebbe la prima città a prevedere una collaborazione del genere da parte dei cittadini.
Virginia Raggi prepara dossier per la procura “La sindaca di Roma Virginia Raggi sta ultimando un dossier da consegnare alla Procura sull’azienda romana di raccolta della spazzatura, sull’incendio all’impianto di trattamento dei rifiuti (il Tmb Salario, ndr) andato in fiamme lo scorso 11 dicembre, sull’intero ciclo regionale dei rifiuti e sugli oltre 300 cassonetti incendiati nel 2018, di cui 70 soltanto a dicembre”. Lo spiegano fonti del Campidoglio. I magistrati hanno aperto un’inchiesta sul rogo del Tmb e starebbero indagando su un presunto assenteismo in Ama.
I cumuli di spazzatura davanti alle scuole hanno provocato la dura reazione dei presidi che, ormai sul piede di guerra, minacciano di non riaprire le scuole lunedì per ‘rischio sanitario’. “Davanti alle scuole romane, in particolare mi preoccupano le scuole elementari, si sono accumulati troppi rifiuti, invadendo anche gli ingressi degli edifici, e con le festività natalizie i cumuli continuano a crescere – dice all’Adnkronos Mario Rusconi, presidente della sezione Lazio dell’Associazione Nazionale Presidi – Il problema si sta trasformando in un’emergenza sanitaria per le scuole”.
Non manca un’altra grana. Il collegio sindacale dell’Ama ha ‘bocciato’ il bilancio 2017 dell’azienda, che attende l’approvazione da parte dell’assemblea dei soci (il Campidoglio) dando un parere negativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *