QUANDO PAOLA TAVERNA DICEVA CHE IL VOTO DI FIDUCIA ERA UNO STRUMENTO DELLE DITTATURE

Il decreto sicurezza è stato votato dal Parlamento grazie al voto di fiducia al governo posto su questo provvedimento. I pentastellati, quando non erano al governo, hanno sempre criticato il ricorso al voto di fiducia, come accaduto il 5 novembre 2015 con tanto dell’esplosione di rabbia di Paola Taverna.

Il web non perdona, la rete non dimentica. Subito dopo l’approvazione del dl sicurezza attraverso il voto di fiducia, i social hanno restituito il video della colorita, per usare un eufemismo, protesta di Paola Taverna – all’epoca semplice parlamentare e ora Vicepresidente del Senato della Repubblica – che si scagliava contro il governo Renzi per la scelta di far passare il cosiddetto «decreto Salva Italia» attraverso il voto di fiducia al governo.
Fonte: Giornalettismo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *