M5S, POLTRONE & SOFA’

Fino a ieri hanno gridato al golpe, anzi al golpetto, contro la casta pigliatutto.

Ora i grillini con una rapida trasfigurazione arraffano tutte le poltrone da vicepresidente e da segretario di commissione disponibili: Giorgio Sorial si prende quella della commissione bilancio, Barbara Iezzi quella del Senato, Francesco Molinari la commisione finanze, Alfonso Bonafede quella della giustizia alla Camera.

Nel bottino grillino c’è pure la presidenza della giunta per le elezioni per Giuseppe d’Ambrosio.

Ormai ci stanno a palazzo, tanto vale starci comodi.

Ben 28 poltrone da vicepresidente e segretario di commissione.

Cadono, uno dietro l’altro tutti, i principi elettorali del grillismo.

Tutto questo mentre Beppe Grillo sul suo blog scriveva: “La sensazione di essere circondati, “calpesti e derisi” dal Potere Costituito che sta muovendo ogni leva a sua disposizione per distruggere il M5S in effetti la si sente nell’aria”.

Dopo tutti i propositi di “pane e acqua” sbandierati in campagna elettorale, dopo tutte le promesse di castità vantate contro le indennità della casta, ora vogliono anche la diaria.

Naturalmente tutto deciso attraverso la rete.

mader

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *