PAOLA PINNA EX GRILLINA ACCUSA: “FIRME FALSE NELLE PROPOSTE DI LEGGE M5S”

image_pdfimage_print

paola-pinna-matteoderricoSui disegni di legge targati M5S “le firme vengono messe in modo forzoso”. Sono dunque falsificate? “Certamente sì”, sui disegni di legge “che fanno parte del programma elettorale 5 Stelle ci sono delle sigle, ma io ho controllato: in diverse occasioni non si trattava della mia firma”.

E’ l’accusa lanciata da Paola Pinna, secondo l’AdnKronos, l’ex deputata M5S passata oggi ufficialmente a Scelta Civica.

Quanto agli insulti di attivisti grillini piovuti sulla sua bacheca Fb, “io sono la stessa persona – dice Pinna ai cronisti – che è entrata nel M5S, non cambio certo idee e principi. Anzi ritengo che” il passaggio a Sc “sia un’opportunità per concretizzare gli annunci fatti in campagna elettorale. Se questo significa passare da un gruppo che si è confinato all’opposizione a uno di maggioranza per cambiare le cose…”.

A chi l’accusa di aver tradito il Movimento, Pinna replica: “potranno giudicare dopo che vedranno il mio operato, non prima”.

mader

13 pensieri riguardo “PAOLA PINNA EX GRILLINA ACCUSA: “FIRME FALSE NELLE PROPOSTE DI LEGGE M5S”

  • 26 Marzo 2015 in 11:07
    Permalink

    Ma intanto si è già aumentata lo stipendio. Alla faccia della sua coerenza. Quanto alle sue accuse, sono tutte da dimostrare !!!

    Rispondi
    • 26 Marzo 2015 in 14:12
      Permalink

      Perchè lo stipendio dei parlamentari si attribuisce in autonomia? In quanto alle accuse non sono nuove!

      Rispondi
      • 26 Marzo 2015 in 14:52
        Permalink

        ah,ma perché quelli di scelta civica rinunciano a metà dello stipendio e ai rimorsi non rendiconti come il M5S?

        Rispondi
        • 26 Marzo 2015 in 17:19
          Permalink

          Quelli di Scelta civica non devono rendere conto a Grillo e Casaleggio e tantomeno a te!

          Rispondi
  • 26 Marzo 2015 in 14:54
    Permalink

    ah,ma perché quelli di scelta civica rinunciano a metà dello stipendio e ai rimorsi non rendiconti come il M5S?

    Rispondi
    • 26 Marzo 2015 in 17:19
      Permalink

      Quelli di Scelta civica non devono rendere conto a Grillo e Casaleggio e tantomeno a te!

      Rispondi
  • 26 Marzo 2015 in 14:55
    Permalink

    ah,ma perché quelli di scelta civica rinunciano a metà dello stipendio e ai rimborsi non rendiconti come il M5S?

    Rispondi
    • 26 Marzo 2015 in 17:20
      Permalink

      Quelli di Scelta civica non devono rendere conto a Grillo e Casaleggio e tantomeno a te!

      Rispondi
  • 26 Marzo 2015 in 15:01
    Permalink

    e rinunciano anche alla carriera politica accettando di impegnarsi per un massimo di 2 legislature?

    Rispondi
    • 26 Marzo 2015 in 17:20
      Permalink

      Quelli di Scelta civica non devono rendere conto a Grillo e Casaleggio e tantomeno a te!

      Rispondi
  • 26 Marzo 2015 in 15:08
    Permalink

    “In quanto alle accuse non sono nuove!” ..quindi basterebbe questo a renderle comprovate?

    Rispondi
  • 26 Marzo 2015 in 15:28
    Permalink

    a tony dico non c’e niente da dimostrare casaleggio ordina i servi devono ubbidire fortunati quelli che hanno capito l’antifona e sono usciti fuori adesso respirano di aria propria e ragionano con il loro cervello nel bene e nel male(libero arbitrio)

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *