NOGARIN IL GRECO

Sul palazzo comunale di Livorno il sindaco, 5 Stelle, di Livorno Filippo Nogarin sventola la bandiera greca.

“Abbiamo voluto manifestare piena solidarietà nei confronti dei cittadini e delle cittadine di questo paese della Comunità europea, che sta vivendo oggi un momento di oggettiva difficoltà”, ha spiegato Nogarin motivando l’esposizione della bandiera della Grecia. “Un gesto – ha aggiunto il sindaco – che non è dettato dal risultato del referendum, la bandiera è stata esposta prima della vittoria dei no, ma è un’espressione di vicinanza a favore di un popolo che soffre. Noi vogliamo che la comunità europea sia espressione di libera circolazione di merci, mezzi e persone – ha concluso – e non che debba essere vincolata unicamente da ciò che è espressione finanza”.

Nogarin come tutti i grillini non ha esitato a servirsi delle sofferenze del popolo greco per sfidare ogni impulso europeista che guarda caso vede insieme sinistra e destra estreme.

Gloriano al pianto greco quelli andati ad Atene Grillo, Vendola, Fassino e coloro che non sono partiti Borghezio e Salvini ma anche la Meloni e Brunetta. Una nuova maggioranza che predilige lo strappo dei neonazisti di Alba dorata. Magnifico.

Attenzione, perché a forza di spingere con chi ci sta, da Alba dorata a Salvini, da Farage a Grillo, per contrastare la linea dell’austerità ci si può trovare fuori dall’Europa o senza Europa. Vale sempre il vecchio proverbio, “dimmi con chi vai e ti dirò chi sei”?

mader

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *