DI MAIO E CANCELLERI SI RASSEGNANO: NON CI SARÀ L’OSCE IN SICILIA PER LE REGIONALI

image_pdfimage_print
Non ci sarà nessuna missione dell’Osce per vigilare sulle elezioni regionali siciliane. La richiesta era stata inoltrata dal Movimento 5 stelle e stamattina il vicepresidente della Camera e leader M5S Luigi Di Maio, insieme al candidato presidente della Regione Giancarlo Cancelleri, hanno incontrato a Villa Igiea, a Palermo i rappresentanti dell’Osce, tra cui il segretario generale dell’Assemblea parlamentare Roberto Montella, in città per la Conferenza mediterranea dell’Osce.

 I responsabili dell’organizzazione internazionale hanno cortesemente spiegato loro le ragioni per cui la richiesta non era ricevibile; ma tant’è, entrambi hanno risposto che la colpa è del governo Gentiloni.
“Siamo preoccupati per le moltissine persone candidate accusate di voto di cambio e di manipolazione – ha detto Cancelleri, al termine dell’incontro -. L’Osce ci ha detto che hanno monitorato elezioni non presidenziali e parlamentari e che hanno dunque monitorato elezioni di natura regionale e locale; lo hanno fatto in Germania, in Italia e in altri Paesi. Ci hanno detto che il governo non ha fatto alcun tipo di richiesta: non che loro ne abbiano bisogno, perchè possono intervenire in autonomia, ma resta questo dato. Il governo nazionale non ha fatto partire una richiesta ufficiale e si è lavato le mani da quella che poteva essere un’opportunità per la nostra terra”.
Nei giorni scorsi il ministro dell’Interno Marco Minniti, rispondendo in Parlamento, aveva detto che non era necessario inviare i commissari nel capoluogo siciliano.

mader

La Sicilia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *