MAI ARRIVATI I SOLDI DEI CONSIGLIERI VENETI 5 STELLE ALLE FAMIGLIE COLPITE UN ANNO FA DAL TORNADO IN RIVIERA DEL BRENTA

image_pdfimage_print

m5sLo chiamarono «Restitution day» e si presentarono a Palazzo Ferro Fini, sede del Consiglio regionale del Veneto, con un mega assegno del valore di 52.266 euro. Soldi presi dai loro stipendi, spiegarono i consiglieri del Movimento Cinque Stelle, mese dopo mese, e destinati alle famiglie colpite dal tornado in Riviera del Brenta. «Il governo ha abbandonato quelle persone ed anche i fondi raccolti dalla Regione ci risulta non siano mai arrivati a destinazione – spiegò il capogruppo Jacopo Berti –. Senza attendere leggi, regolamenti e decreti vari abbiamo quindi deciso di muoverci da soli, dando questi soldi a chi ne ha davvero bisogno».

Peccato che a più di sei mesi da quell’annuncio (era il 22 dicembre), in Riviera non abbiano visto un solo centesimo di euro. I denari stanno ancora tutti nel conto corrente dei 5 Stelle.

«Un gesto che sotto Natale vuole essere un dono ai veneti – affermavano i consiglieri veneti pentastellati – e un buon auspicio affinché venga approvata la nostra Legge Anticasta in Regione, che obbligherà i partiti – che non hanno voluto seguire spontaneamente il nostro esempio – a restituire anche i loro soldi – continuano i consiglieri – in un momento in cui la politica è immobile di fronte al sistema delle banche che brucia i soldi dei cittadini, c’è un Movimento che, al contrario, dà i suoi soldi a chi ne ha bisogno. Due facce della politica. I cittadini sceglieranno da quale parte stare».

Un anno e undici giorni dopo il tornado che l’8 luglio 2015 devastò la Riviera del Brenta, dalla base del M5s viene lanciata una pesante accusa: i soldi accantonati dai cinque consiglieri regionali veneti pentastellati non sono mai stati dati né alle famiglie né agli imprenditori né a nessun altro danneggiato dal tornado. «I soldi “restituiti” e mai restituiti – denuncia il Meet up di Este – sono tuttora presenti nel conto personale del consigliere Simone Scarabel per suo uso e… ».

Ma la base non ribollirebbe solo in Polesine, ma anche nel Padovano, terra del capogruppo, e nel Veronese. Berti non smentisce ma precisa: «I soldi sono stati raccolti, sono bloccati e verranno destinati alla Riviera non appena si saranno risolti alcuni guai burocratici (gli stessi, ironia della sorte, che imputava a Stato e Regione). Siamo in attesa delle perizie asseverate così da evitare che vadano a chi non li merita».

mader

 

2 pensieri riguardo “MAI ARRIVATI I SOLDI DEI CONSIGLIERI VENETI 5 STELLE ALLE FAMIGLIE COLPITE UN ANNO FA DAL TORNADO IN RIVIERA DEL BRENTA

    • 31 Agosto 2016 in 13:09
      Permalink

      Non so lei chi sia e a quale titolo, Marco, chiede la rimozione di questo articolo. La notizia è tanto vera che la conferma la fornisce Lei stesso con il link del giornale La Nuova Venezia. Scrive il giornale in data 22 luglio 2016: “Sono stati versati ieri mattina nelle casse dei Comuni di…”. Ovvero il giorno 21 luglio 2016 sono stati versati i soldi in questione, ma l’articolo è del 18 luglio 2016 e l’annuncio del contributo da parte dei consiglieri 5 stelle del 22 dicembre 2015, sei mesi dopo l’evento che devastò la Riviera del Brenta.
      Comunque, prendo atto che a distanza di un anno i soldi sono finalmente arrivati alle popolazioni interessate.

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *