LO SVARIONE DEL DEPUTATO 5 STELLE CHE SPIEGA CHE LE NORME DEVONO ESSERE VAGHE

image_pdfimage_print
“Le norme devono essere vaghe”. Lo ha detto il deputato abruzzese del Movimento 5 Stelle e avvocato Andrea Colletti. Il Colletti-pensiero viene enunciato, nella giornata di mercoledì, alla Camera dei Deputati durante l’esame della riforma del voto di scambio politico-mafioso, racconta Giustizia News24.it.

“Quando redigiamo le norme – aveva spiegato Colletti – dobbiamo comprendere che l’interpretazione delle norme nella loro vaghezza, perché tutte le norme devono essere in un certo senso vaghe sebbene tassative, possano essere interpretate dalla giurisprudenza sia in maniera estensiva che in maniera restrittiva”.
Inevitabile l’ironia del deputato di Forza Italia Francesco Paolo Sisto: “Non posso che avere il sorriso sulle labbra, perché davvero ci sono dei piatti che ti vengono serviti in modo perfetto. Quando io ascolto una facezia, un originalissimo, una corbelleria e sento dire che ‘tutte le norme devono essere vaghe’ … io voglio un applauso su questa affermazione perché siamo di fronte ad una idiozia, con la ‘i’ maiuscola e la ‘a’ finale maiuscola. Vorrei dire che le norme penali per chi ha un minimo di dimestichezza scolastica, neanche universitaria, devono essere soggette al principio ‘legalità’, tassatività, precisione, tipicità. Il fatto deve essere tipico, perché quando mi sveglio la mattina io devo sapere cosa è lecito e cosa no”.
Poi Sisto si arrabbia: “Si devono eliminare dal dibattito parlamentare queste espressioni che disonorano non il nostro impegno ma la cultura giuridica di questo paese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *