LO SPOT NON CAPITO DEL M5S SULLA LIRA

image_pdfimage_print

spot-m5s-lira-4-770x557Dopo lo spot, di ieri, sulla lira del Movimento 5 Stelle, le numerose reazioni di presa in giro sulla rete nasce la pagina facebook “Paola Taverna che frega i passanti in Piazza Farnese” che ironizza sul cambio euro-lira con la senatrice M5S co-protagonista.

paola-taverna-spot-matteoderricoMa chi è l’autore dell’esilarante video?

Nick il Nero, al secolo Nicola Virzì, ex camionista, consulente al Senato per la comunicazione video del M5s. Compito, realizzare video e filmati sui lavori dei parlamentari. Un ruolo in cui l’ hanno voluto Casaleggio e Grillo, di cui è fidatissimo. Stipendio: «sui 4mila euro al mese».

Che sempre su facebook ha così giustificato lo spot:

“Lo Spot sull’Euro che abbiamo pubblicato oggi ha suscitato attenzione, critiche ed elogi. Il mio obbiettivo era quello di mettere in evidenza le differenze tra le due monete che si chiamano Euro e Lira. Un Euro non vale 1000 lire, varrebbe quasi 2000 lire (lo sanno anche i polli) ma il cambio senza controllo ci ha fottuti, un caffè nel 1998 costava tra le 800 e le 1000 lire, oggi tra 90 centesimi e 1.20 Euro… tagliarsi i capelli costava 10/15.000 lire oggi 15/20 Euro (se non di più), vogliamo metterci un pieno di benzina, una pizza, un libro, un film al cinema ecc… fate i conti che volete ma non torneranno mai. Tornare ad una piacevole autonomia che ci concedeva momenti gratificanti, che alleggerivano la giornata e ci facevano vivere più serenamente sono sensazioni che non mi dispiacerebbero. Sono bastati pochi anni e una moneta troppo pesante per demolire tutte le certezze che ci davano respiro… un caffè, un regalo a chi ami davanti a un drink (non una cena, i dettagli non sono trascurabili), un semplice taglio di capelli senza l’angoscia di non farcela ci facevano vivere molto meglio. Oggi i conti non tornano mai, mancano sempre troppi giorni alla fine del mese, la colpa è di una moneta fuori controllo che ci tormenta l’esistenza da quando è entrata in vigore. Hanno barattato la nostra vita senza fare nessun conto. Nessuno ci chiese cosa ne pensavamo, nessuno ci diede l’opportunità di scegliere, l’euro ci fu imposto con mille promesse che mai si avverarono. Oggi possiamo dire cosa ne pensiamo, cosa vogliamo e che direzione prendere. Nikilnero”

La colpa è nostra che non riusciamo a capire!

mader

 

Un pensiero riguardo “LO SPOT NON CAPITO DEL M5S SULLA LIRA

  • 5 Febbraio 2015 in 17:47
    Permalink

    La vita purtroppo ci riserva gioie e dolori:ad es. c’è chi nasce intelligente e per un becero scherzo del destino,sbatte la testa in un incidente e diventa idiota.Virzì e la Taverna,non hanno problemi di sorta, in quanto potrebbero incappare in mille incidenti e sbattere la testa mille volte,che il loro stato cerebrale non verrebbe modificato,nè tantomeno aggravato.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *