IL BLOGGER RUSSO NAVALNY ALL’ANSA: “IRRITANTI I LEGAMI PUTIN, LEGA E M5S”

Alexei Navalny, blogger e principale oppositore del presidente russo, è conosciuto per essere il maggiore, e più temuto, oppositore politico del presidente russo Vladimir Putin. Intervistato dall’Ansa ha parlato della politica italiana, a 50 giorni dalle elezioni del 4 marzo.

“Sono irrazionali e abbastanza irritanti i legami fra il regime di Putin e l’establishment italiano. Quelli con i partiti di estrema destra sono incomprensibili, come nel caso della Lega Nord, che ama molto Putin e Putin ama molto loro. Ma le loro ideologie sono opposte. Mi rincresce molto che il Movimento 5 Stelle abbia una posizione favorevole nei confronti di Putin perché, sulla base di tutto quello che loro dicono, lo dovrebbero odiare”.
Secondo Nalvalny, “tra l’Italia e la Russia esiste un rapporto solido e i russi considerano gli italiani un popolo speciale. Io vorrei vedere da parte dell’Italia una posizione più attiva sulle sanzioni individuali perché il vostro Paese è meta massiccia dei soldi sporchi degli oligarchi, che rubano qui e poi vanno a divertirsi nei vostri resort: vorrei che fosse più amica del popolo russo e meno degli oligarchi di Putin”.
“Per sei anni non ho potuto lasciare la Russia poiché non mi è stato rilasciato il passaporto per l’estero – ha aggiunto Navalny -. Lo hanno fatto solo quando mi sono dovuto recare a Barcellona per operarmi ad un occhio (dopo essere stato colpito al volto da una sostanza acida e aver riportato danni gravi). E mentre mi trovavo a Barcellona un’idea mi torturava: ma è possibile che io non potrò mai visitare Roma? Se non mi tolgono il passaporto proverò ad andarci”.
La Commissione elettorale russa gli ha impedito di presentarsi alle prossime elezioni presidenziali a causa di una condanna a 5 anni di reclusione per appropriazione indebita e per questo ha presentato ricorso, al ‘presidium’ della Corte Suprema russa, per contestare la sua esclusione alle presidenziali del prossimo 18 marzo.
mader

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *