I NODI AL PETTINE DELL’AMMINISTRAZIONE GRILLINA DI BAGHERIA

image_pdfimage_print

patrizio-cinque-matteoderricoDaniele Vella, già candidato a sindaco e componente regionale del Pd, evidenzia i problemi irrisolti dall’amministrazione comunale di Bagheria guidata dal sindaco grillino Patrizio Cinque.

“E’ notizia di queste ore che il Commissario ad acta inviato dalla Regione abbia intimato al Segretario Generale di sospendere i pagamenti, sottoponendo allo stesso la necessità di saldare il debito del Comune nei confronti dell’Ato. La procedura di fuoriuscita unilaterale dall’Ato, fatta non secondo le regole, e la successiva diffida dell’Assessorato Regionale inviata al Comune di Bagheria sembra siano oggetto di attenzione da parte della Procura della Repubblica.”

Vella aggiunge che c’è il rischio che il servizio, di certo migliorato tramite la ditta privata, venga, pagato due volte dai cittadini.
“La strada era quella già tracciata della gara europea per l’individuazione di una ditta che all’intero dell’Aro si occupasse dalla raccolta. E’ responsabilità dei 5 stelle avere perso un anno di tempo seguendo il fantomatico iter della partecipata comunale e poi procedendo con un affidamento diretto. A nostro avviso occorre ripartire da ciò che in campagna elettorale dicevamo e cioè porre mano alla liquidazione del Coinres, vera questione irrisolta e dirigersi verso un affidamento a privati tramite gara. Siamo in attesa che l’Amministrazione segua questo percorso. Si spera.”

Altro nodo che Vella solleva è legato ai bilanci.
“In assenza del Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti,in quanto il componente votato dalla maggioranza si è dimesso per incompatibilità, e non avendo trovato ancora un sostituto (anche perché non c’è accordo su come integrare il collegio stesso) , il bilancio riequilibrato 2015 e i bilanci degli anni precedenti sono ancora senza parere. Sono trascorsi i termini perentori di approvazione e giustamente la Corte dei Conti chiede lumi sul perché ancora non si sia proceduto ad esitare le delibere. Sul bilancio ci aspettavamo una maggiore partecipazione della città e delle forze sociali.”

Vella aggiunge che in un clima di poca trasparenza, si continuano a conferire incarichi esterni e consulenze ( vedi avvocati e consulente al traffico) e si trasforma, senza nessun tipo di concertazione e con molta leggerezza sulle regole, l’assetto della macchina comunale. È giusto sottolineare che la vicenda personale merita un approfondimento a parte.
“In tal senso le voci sul licenziamento di un dirigente del nostro ente ( anticipate legittimamente dalla stampa seppur non si conosca l’atto ufficiale), al di là del merito della questione, sono sintomatiche sulla mancanza di attenzione e il basso grado di serietà e oculatezza necessario dinanzi a siffatte questioni. L’Amministrazione 5 stelle eletta sul’onda della partecipazione e della chiarezza continuando così potrebbe trasformarsi nell’amministrazione della leggerezza,dell’approssimazione e del poco chiaro.”

mader
Fonte La Voce di Bagheria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *