GRILLOLEAKS, IL CAVALLO DI TROIA DEI DISSIDENTI

image_pdfimage_print

grillo-leaks-matteoderricoLa prima raccomandazione in una guerra è quella di guardarsi le spalle…nella propria trincea. Dopo numerose e note uscite dal Movimento di Beppe Grillo, gli ex pentastellati puntano sugli stessi mezzi del loro leader, la propaganda via internet.

Un sito, grillo-leaks.com, online da qualche giorno, ma che è stato appena oscurato ha diffuso audio rubati a Beppe Grillo e ai suoi, alcuni provenienti dal famoso incontro “notturno” a Marina di Bibbona. Ogni politico era accompagnato da una “umoristica” scheda anagrafica con tanto di cellulare visibile (tra l’altro tutti veri e verificabili) e soprattutto le famose registrazioni con rivelazioni, più o meno note, sul modus operandi del Movimento. Per fare un esempio a Grillo è attribuita la frase: “Senza Casaleggio M5S non sarebbe mai nato”, mentre l’ex capogruppo al Senato Nicola Morra avrebbe detto: “Gli attivisti non contano un ca…o. Conta quello che decidono su a Milano”.

Mentre a Roberto Fico, presidente della commissione di Vigilanza Rai, viene attribuita la frase: “Ma come non l’avete capito che comanda Gianroberto Casaleggio”.

Vista la disponibilità e l’abbondanza di materiali riservati, gli autori del sito sono probabilmente provenienti dall’interno del gruppo 5 Stelle che hanno voluto in questo modo denunciare i modi dispotici dei vertici di un Movimento nato per ascoltare la base e i cittadini.

Qui di seguito uno dei video che circola in rete, anche dopo la chiusura del sito, firmato da un certo “Paolo Casta”.

Il Movimento 5 Stelle ha denunciato il sito web presso la Polizia Postale che ha provveduto a oscurare “GrilloLeaks”.

mader
Maria Teresa Olivieri per Avanti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *