GRILLO SUL BLOG: I 43 SUCCESSI DI VIRGINIA RAGGI

image_pdfimage_print

Beppe Grillo difende la sindaca di Roma, Virginia Raggi, e rivendica con un chilometrico post sul suo blog i risultati positivi dell’amministrazione capitolina a 5 stelle. “Il Movimento 5 stelle – scrive – sta amministrando la città più bella del mondo e siamo orgogliosi di farlo”.

“Abbiamo trovato la capitale devastata, ma – sottolinea il leader M5S, che si fa ritrarre in una foto di gruppo accanto a Raggi e ai consiglieri comunali romani – non ci siamo spaventati. Nessuno avrebbe saputo dove mettere le mani, tutti avrebbero avuto paura. Noi ci siamo buttati a capofitto in questa avventura e, nonostante le difficoltà, stiamo iniziando a cambiare la città. Non sono parole, sono fatti”.

“Di seguito trovate i 43 successi più importanti di Virginia Raggi e della sua giunta nei primi 7 mesi di governo. Vi prego – è l’appello di Grillo agli attivisti e ai simpatizzanti 5 stelle – di diffonderli il più possibile sui social e di inviarli ai vostri amici e conoscenti via mail o tramite Whatsapp. Stiamo cambiando il Paese a partire dai comuni che amministriamo. Buona lettura e buona condivisione”.

Tra i 43 punti dell’elenco che il M5S rivendica a proprio merito, 366 milioni di euro per i trasporti, l’abbassamento della tassa per i rifiuti tra l’1,5% e il 2%, i finanziamenti a favore dei municipi per interventi su strade e mobilità, i tagli alla spesa istituzionale e agli incarichi esterni, la lotta all’abusivismo commerciale e ai posteggiatori abusivi, il Piano freddo, l’apertura dell’area archeologica del Circo Massimo, l’avvio dell’operazione “strade pulite”, “piano foglie” e “piano caditoie”, infine l’ok al bilancio preventivo triennale con due mesi di anticipo sulla scadenza fissata dal Governo, che “consente a Roma Capitale di attingere ai 15 milioni di euro di premialità”.

Peccato che, per ora, la maggior parte dei punti siano misure inserite nel bilancio preventivo. Una lista di buoni propositi, dunque, più che di veri successi.

mader
Fonte: Aska News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *