GRILLO SEMPRE PIÙ STANCHINO, IL SIGNORINO SI DEFILA DAI 5 STELLE

image_pdfimage_print

beppe-grillo-matteoderrico“Mi defilo dal Movimento perché ho un’età pazzesca, una famiglia numerosa: ho fatto il mio tempo. Però ci sono, il Movimento è la mia vita ed è nato con le idee che avevo io sulle rinnovabili, rifiuti e acqua pubblica. Le 5 stelle sono questi temi qui”. Lo dice Beppe Grillo intervistato da La7. “Torno in tv? Non lo so, non ho pregiudizi, lascio aperto tutto” annuncia poi il leader M5s.

Daniele Berti, consigliere comunale di Legnano, uscito dal Movimento 5 Stelle nel febbraio del 2014 a seguito delle espulsioni operate dal Movimento. Sul suo blog ha scritto un post, dal titolo “Il signorino si defila”, a dopo l’annuncio di Grillo di starsene da parte

Hai capito il signorino? Mette in piedi il teatro col suo regista, promette rivoluzioni che non si avvereranno mai, illude qualche milione di italiani con parole spesso sacrosante e una volta raggiunta la fetta di potere tale da poter dormire sonni tranquilli per sè e per le sue prossime 3 generazioni, tira i remi in barca e dice: ‘sono vecchio e devo pensare alla mia famiglia numerosa’… Grillo, grillo, nella favola di Pinocchio rappresentavi la coscienza, nel teatrino dell’italietta che si beve tutto, Tu e il Giangio avete fatto il gatto e la volpe, avete rapito i nostri sogni di rinascita, ce li avete fatti sotterrare vicino all’albero e vicino a quell’albero non sono nate nè monete nè rivoluzioni, avete piazzato i vostri raccomandatini nelle regioni , nei due rami del parlamento e in Europa, ed ora l’unica cosa che vi interessa è ricevere i bonifici copiosi sui Vs Conti Correnti, magari situati in qualche paradiso fiscale, perchè delle banche italiane non c’è da fidarsi… Caro Beppe, sei stato un bel furbacchione tu e il regista di via Morone, bravo, ora pensa alla tua vecchiaia e alla tua famiglia, non prenderti nemmeno la briga di tornare in TV, tanto non fai più ridere, tanto con quel che incassi, cosa ne farai mai degli spiccioli o dei gettoni di partecipazione ? E salutami anche il tuo amico Travaglio, abile a salire sul carro che tira al momento opportuno, dove poi si passa sempre alla cassa per ritirare copiosi emolumenti anche senza contributi statali. In mezzo alla gente ti è piaciuto stare finchè avevi bisogno di dimostrare qualcosa, ora ti facciamo un po tutti schifo e non sapresti nemmeno rispondere alla gente comune dei tuoi colpi di testa studiati a tavolino…Eh Beppe, ti ho conosciuto troppo da vicino coi tuoi ‘special guest’ ora tutti piazzati nelle istituzioni con stipendi e diarie da nababbi, te gusta troppo la bella vita… Pazienza, che ci dobbiamo fà ? Hai ammazzato anche l’ultima speranza, non chiediamoci più perchè la gente non va a votare, tu e Giangio diciamo siete stati i serial killer della speranza, avete trasformato un pò di persone normali in fantocci super eroi e messo in cassaforte una fetta di potere che vale più di un vitalizio… Acqua, ambiente, mobilità, wi fi, sono sempre nelle solite mani, si è alzato un gran polverone per consegnare il paese in mano ad un Renzi qualunque, la continuazione naturale dell’omino di Arcore con la pompetta sempre pronta ad agire nelle private stanze…
Non avendo valide alternative se non un Salvini per curare i mal di pancia italici, tenterai sempre di giustificare ogni decisione accusando ‘gli altri’ di essere corrotti e disonesti…Con una buona difesa e con un attacco scarso, si può sempre vincere qualche partita ai rigori… E’ il caso di dire: poveri noi…

mader

10 thoughts on “GRILLO SEMPRE PIÙ STANCHINO, IL SIGNORINO SI DEFILA DAI 5 STELLE

  • 13 Agosto 2015 in 20:20
    Permalink

    Grazie Matteo x aver ripreso il post dal blog…Più lo leggo è più mi sembra uscito bene..VERITA’ ALLO STATO PURO, come direbbe mia nonna…Buona vita…

    Rispondi
    • 13 Agosto 2015 in 20:30
      Permalink

      Grazie a te. Dopo averlo letto un paio di giorni fa, ho pensato subito di riprenderlo. E’ davvero un bel articolo.

      Rispondi
      • 15 Agosto 2015 in 15:53
        Permalink

        Siete due gocce d’acqua.

        Rispondi
  • 15 Agosto 2015 in 11:59
    Permalink

    è proprio vero che ormai scrivono cani e porci!

    Rispondi
    • 15 Agosto 2015 in 14:36
      Permalink

      Se io sono il cane tu sei l’altro animale.

      Rispondi
      • 18 Agosto 2015 in 14:09
        Permalink

        Peccato, tu sei il cane, il porco e tralasciamo il resto scimmietta ammaestrata

        Rispondi
        • 18 Agosto 2015 in 16:07
          Permalink

          Non ti ripetere. Abbiamo già detto che io sono il cane e tu il maiale. Vuoi essere anche il topo di fogna? Accordato e non si accettano ripensamenti.

          Rispondi
  • 18 Agosto 2015 in 14:12
    Permalink

    Si nasce, si vive e si muore servi.
    Che vita misera e inutile

    Rispondi
    • 18 Agosto 2015 in 16:03
      Permalink

      e tu, purtroppo, lo sarai anche da morto.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *