CELENTANO, OK L’ACCORDO RENZI-BERLUSCONI: “GRILLO SI È TIRATO INDIETRO UN’ALTRA VOLTA”

image_pdfimage_print

adriano-celentano-matteoderrico

“Per capire davvero se un accordo è valido o no bisogna metterlo in pratica, mentre sono fermamente convinto che Renzi abbia fatto bene a fare l’accordo con Berlusconi”: ha risposto così, Adriano Celentano, al direttore della rivista San Francesco, padre Enzo Fortunato, che gli chiedeva del confronto in atto in questi giorni sulla nuova legge elettorale.

Nell’intervista al mensile edito dal Sacro convento di Assisi – che la pubblicherà nel numero di febbraio e anticipata sul sito sanfrancesco.org – Celentano osserva che Renzi, ”prima di rivolgersi a Berlusconi aveva implorato Grillo. Che per la seconda volta (la prima con Bersani) si è rifiutato di fare l’infiltrato che, come Robin Hood, poteva rubare ai ricchi per dare ai poveri.

Per cui Renzi, non avendo altra scelta, si è accordato con chi, pur avendo una condanna, è tra i primi posti in classifica con ben otto milioni di voti. Perciò mi fanno ridere gli ipocriti quando dicono che non doveva parlare con Berlusconi. Infatti Renzi non ha parlato con Berlusconi. Ha parlato con otto milioni di italiani che casualmente assomigliano a Berlusconi”.

mader

8 pensieri riguardo “CELENTANO, OK L’ACCORDO RENZI-BERLUSCONI: “GRILLO SI È TIRATO INDIETRO UN’ALTRA VOLTA”

  • 30 Gennaio 2014 in 10:02
    Permalink

    Ormai gli specchi sono sempre più lisci… tra un po’ Renzi sarà stato costretto a parlare con Berlusconi dall’elettorato di sinistra, che da sempre vede in Berlusconi un faro di democrazia e civiltà… Dimmi, che farai quando alle prossime elezioni il PD si dissolve? se vuoi nella mia azienda c’è un posto per pelar patate, ti ci metto una buona parola?

    Rispondi
    • 30 Gennaio 2014 in 12:20
      Permalink

      Ti ringrazio per l’offerta, ma riesco a badare a me stesso da solo, anche se il PD dovesse dissoversi. Non credo che tu possa essermi di aiuto se sei costretto a pelare le patate!

      Rispondi
      • 30 Gennaio 2014 in 19:24
        Permalink

        Premesso che ho detto mia e non nell’azienda dove lavoro, almeno io non sono costretto a giustificarmi con la mia coscienza per la malafede messa in quello che scrivo e dico… Come giustificherai adesso il PD che ha regalato qualche 7 miliardi di euro alle banche? è sempre colpa del Movimento 5 Stelle che, con la gazzarra innescata in aula, non ha permesso ai deputati PDocchi di comprendere quello che stavano votando? mmmmm la vedo dura…

        Rispondi
        • 30 Gennaio 2014 in 19:43
          Permalink

          Nella tua azienda, dove non lavori, si pelano le patate a mano, ma quanto costeranno? Non l’hai capito, ma di quello che fa il PD a me interessa quanto i 5 Stelle e Berlusconi. Detto questo, non pensare che tutti gli italiani abbiano l’anello al naso!

          Rispondi
  • 30 Gennaio 2014 in 10:35
    Permalink

    A celentano,anche tu non hai capito nada….non si puo’ fare combutta con pd e pdl…sono soci da sempre….sono complottisti…e c’e’ la mafia con loro e anche le obbi….x cambiare bisogna che l’ITALIANI si SVEGLIANO e VOTANO ..COMPATTI 5 STELLE …SOLO COSI’ ..VIA TUTTI……..

    Rispondi
  • 30 Gennaio 2014 in 13:45
    Permalink

    sei molto piu’ bravo quando fai le pause.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *