CASALEGGIO ALLE PRESE CON IL NUOVO INNO GRILLINO

image_pdfimage_print

casaleggioDopo ‘Non sono partito’ di Fedez e ‘Ognuno vale uno’ di Supa Cuch, Gianroberto Casaleggio lavora al nuovo inno del M5S. O meglio, ascolta.

A quanto apprende l’Adnkronos, tantissimi i promo arrivati alla Casaleggio associati per la festa che si terrà a Imola il 17 e il 18 ottobre. E il cofondatore del Movimento, che lavora alacremente all’organizzazione di ‘Italia 5 Stelle’, sta scegliendo con i suoi l’inno che accompagnerà la festa grillina.

Oggi nel ‘quartier generale’ del Movimento, a Milano, c’è stato un incontro tra Casaleggio e quanti, tra Imola e Roma, lavorano all’evento di ottobre. Il guru dei 5 Stelle è apparso entusiasta per l’appuntamento ormai alle porte, “faremo il pienone – ha dato la carica – vedrete che, come minimo, bisseremo i numeri del Circo Massimo”, ovvero 200mila persone tra attivisti, curiosi e simpatizzanti. In sottofondo, il nuovo motivo dei 5 Stelle.

Casaleggio sembrava convinto da uno dei promo arrivati in posta. Nessun autore o cantante di risonanza, ma il nuovo inno, si è detto convinto, “scalderà la piazza”. E intanto si lavora alla struttura di ‘Italia 5 Stelle’: il progetto su carta è già definito nei dettagli. E sarà improntato su un governo M5S: “perché siamo pronti a governare il Paese”, ha ribadito Casaleggio. Visto il pienone di persone atteso, sono in corso contatti con Trenitalia per prevedere dei treni dedicati al termine della ‘due giorni’ per il rientro. Un servizio simile è già stato previsto per il concerto degli Ac/Dc di inizio luglio all’autodromo di Imola, stessa location della festa grillina. Ma la società avrebbe chiesto al M5S un compenso (“ben 9mila euro”, dice un fonte autorevole del Movimento), che al gruppo australiano invece non sarebbe stato richiesto, stando almeno alle voci che circolavano oggi alla Casaleggio associati. Dunque le trattative vanno avanti, con il M5S deciso ad ottenere un sostanzioso sconto dalla società di trasporti. Ogni spesa, compreso l’eventuale compenso da destinare a Trenitalia, finirà sul conto aperto dal blog di Beppe Grillo per finanziare l’evento.

Per chi raggiungerà Imola in tenda, sarà prevista un’area camping ad hoc. E un’area camper, naturalmente, di cui potrebbero beneficiare gli stessi Grillo e Casaleggio che, viene riferito, a Imola potrebbero arrivare a bordo del camper M5S. Il palco -su cui si alterneranno artisti ed eletti del M5S- con ogni probabilità sarà lo stesso usato al Circo Massimo, con qualche piccola miglioria e modifica per renderlo più funzionale. Ci saranno poi dei padiglioni per ogni singola Regione, dove troveranno spazio anche le realtà comunali: piazze aperte, ha ragionato Casaleggio con i suoi, dove i cittadini potranno incontrare gli eletti nelle varie realtà e informarsi su i progetti portati avanti. E su quanto realizzato. Una grande agorà sarà inoltre prevista per parlamentari ed eletti a Bruxelles, pronti a rispondere alle domande di quanti arriveranno all’autodromo. E un maxi gazebo per i meetup, ossatura del Movimento sul territorio. Grillo e Casaleggio, oltre a intervenire dal palco, gireranno i padiglioni, incontrando cittadini ed eletti. La scaletta degli interventi è ancora da definire, ma da Milano assicurano che non mancheranno volti noti. Ancora da decidere, viene spiegato, se la festa verrà anticipata di un giorno, aprendo la kermesse grillina venerdì sera, 16 ottobre.

mader
AdnKronos

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *