AUGUSTA A 5 STELLE: SI ALL’HOTSPOT, UN “ASSOLUTO SUCCESSO” PER LA SINDACA DI PIETRO

image_pdfimage_print

I diversi tentativi dei due ministri che si sono succeduti al dicastero dell’Interno, Alfano e Minniti, di istituire un hotspot per l’immigrazione nel porto di Augusta, seppure con il nuovo acronimo di Cpsa (Centro di primo soccorso e accoglienza) hanno trovato epilogo positivo nella riunione tenutasi a Roma mercoledì 26 luglio – scrive il sito lagazzettaaugustana.it – al Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione coordinato da Gerarda Pantalone e a cui hanno partecipato anche il sindaco Cettina Di Pietro, il presidente dell’Adsp Augusta-Catania Andrea Annunziata, il prefetto di Siracusa Giuseppe Castaldo e il vicario del prefetto Filippo Romano. Al di là delle mediazioni internazionali in atto, pare che Augusta resterà il porto degli sbarchi assistiti di migranti ancora a lungo, “per la sua conformazione morfologica e per la profondità del fondale” in particolare, come si apprende dal documento redatto dal Dipartimento.

Nel documento si fa riferimento infatti all’allestimento di “un centro di primo soccorso, assistenza e identificazione dei migranti che sbarcano presso il porto di Augusta”, ovvero le caratteristiche di ciò che già due anni fa la cosiddetta “Agenda per la migrazione” redatta della Commissione europea definiva tecnicamente “hotspot”.

Si legge nel documento: “Come concordato nel corso della riunione, l’area attrezzata sorgerà, temporaneamente, nell’ambito della zona portuale già individuata, sulla quale il prossimo martedì 1 agosto si terrà un nuovo sopralluogo, opererà per un periodo di due anni, rinnovabili per altri due. Inoltre, atteso che al momento viene utilizzata una banchina destinata anche all’attracco di navi commerciali, in previsione dell’ampliamento del porto, l’Autorità portuale valuterà la disponibilità di una nuova banchina per effettuare le operazioni di sbarco dei migranti. Contestualmente, la Prefettura e il Comune di Augusta si adopereranno per ricercare una nuova area, posta nelle immediate vicinanze del porto, ove trasferire il centro, smantellando quello in via di realizzazione”.

Una soluzione che raggiungerebbe l’obiettivo di sostituire prima e delocalizzare poi la tendopoli con una struttura attrezzata e permanente, almeno due anni con opzione per altri due, in altra area sempre portuale (nei pressi del sito archeologico di Megara Hyblaea?). Ciò a dispetto delle istanze degli operatori portuali augustani (che chiedevano l’impiego di altro porto meno importante di quello megarese per gli sbarchi assistiti) e della mozione unitaria del Consiglio comunale di Augusta (dell’ottobre 2015, per la designazione del porto di Augusta quale sede dell’Autorità di sistema portuale e il diniego al rilascio di autorizzazione all’istituzione di un hotspot nel territorio di Augusta). Non si risolverebbe inoltre la questione dell’impiego del porto di Augusta quale primo porto di approdo d’Europa per i migranti: resta infatti irrisolto, come ammesso nel documento, il nodo della ricerca di un’altra banchina diversa da quelle di Punta Cugno per l’attracco delle navi impiegate per i soccorsi.

Il sindaco pentastellato Cettina Di Pietro a mezzo social network parla invece di “assoluto successo“, esultando per la prossima delocalizzazione della struttura di identificazione in altra area, sempre del porto megarese, e annunciando: “Finalmente il Ministero si impegna a realizzare un centro di primo soccorso fuori dal porto commerciale di Augusta. Ieri presso il ministero dell’Interno sono state accettate le richieste di questa Amministrazione che si è da subito battuta affinché il dovere di accoglienza non mortificasse lo sviluppo economico del nostro porto commerciale”. Nel messaggio-video allegato, ammettendo che “il Ministero non può assolutamente rinunciare ad Augusta come punto di sbarco“, ha rivendicato anche un “importante lavoro con la Prefettura di Siracusa per la redazione di un protocollo che sollevi il Comune di Augusta da tutte le incombenze che hanno gravato sullo stesso negli ultimi quattro anni, relative alla gestione del punto di sbarco: importante risultato che ci accingiamo a traguardare a breve“.

La pensano diversamente gli onorevoli a 5 Stelle siciliani Francesco D’Uva e Valentina Zafarana che hanno, in ogni modo, tentato di bloccare – nel giugno dello scorso anno – gli hotspot, in particolare a Messina.

D’Uva ha perfino presentato una interpellanza urgente il 24 marzo scorso visto che il ministro dell’Interno si mostrava irremovibile.

Poche ore fa, invece, Cettina Di Pietro sindaca M5S di Augusta lo definisce come “un assoluto successo”.

A questo punto viene da chiedersi, o meglio da chiedere al Movimento 5 Stelle: siete a favore o contro gli hotspot?

mader

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *