ASSEMINI DICE NO AL SINDACO GRILLINO SULLA RACCOLTA DEI RIFIUTI

image_pdfimage_print

assemini-firmeConsegnata al sindaco di Assemini la petizione, che in due settimane ha portato alla raccolta di 7 mila firme, per chiedere il ripristino del servizio di raccolta differenziata dei rifiuti “porta a porta”.

I cittadini di Assemini esprimono, così, la netta contrarietà al nuovo modello di raccolta e conferimento dei rifiuti voluta dal sindaco grillino Mario Puddu.

7 mila e 29 cittadini su 27 mila circa, un quarto della popolazione, reclama al sindaco un passo indietro, una richiesta che viene dal basso, come piace al Movimento 5 Stelle, che non può essere ignorata.

La nota stampa del comitato:

“Ieri pomeriggio, intorno alle 17, Rita Nioi, Antonino Esu, Adriano Pinna, Gabriele Palla e la Presidente Claudia Giannotti del Comitato Civico “AsseminiPulita” hanno consegnato all’Amministrazione comunale di Assemini – dopo un’attenta verifica – 7 mila 29 firme. Si è così conclusa la prima fase. La petizione è iniziata due settimane fa per dire “No” al nuovo modello imposto di raccolta e conferimento dei rifiuti e per chiedere il ripristino del vecchio sistema “porta a porta”, con i dovuti ed opportuni miglioramenti. Un successo. Una partecipazione popolare senza precedenti nella storia di Assemini. Ora spetta al Sindaco formalizzare la sua scelta, con serenità e con l’auspicato rispetto degli impegni elettorali, assumendosi le proprie responsabilità. Diverse le forze politiche che hanno aderito alla proposta: Pd, Pdl, Proposta civica, Sel, Fratelli d’Italia, Partito dei sardi. Inoltre, il Comitato Civico “ViviAssemini”.

La raccolta firme rimane aperta per soddisfare le richieste dei cittadini che in questi giorni continuano a chiedere di apporre la loro firma. Nelle prossime settimane, il Comitato, renderà pubbliche altre iniziative. “È stata una grande prova di maturità – spiega il comitato – Più forze politiche e sociali hanno trovato le ragioni e la sintesi per unirsi davanti ad un obiettivo importante: tutelare un bisogno sociale. Senza perdere la loro identità, sono state capaci di marciare unite dando senso compiuto al profondo e prioritario valore della rappresentanza. Un passo avanti qualificante per la città di Assemini. Una risposta costruttiva alle considerazioni infelici del Sindaco contro ogni forma di protagonismo civico”.

mader

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *