ANTICORRUZIONE BOCCIA BANDO SUL VERDE DEL COMUNE M5S DI POMEZIA

image_pdfimage_print

fabio-fucci-matteoderricoIl comune a 5 Stelle di Pomezia, guidato dal sindaco Fabio Fucci, bocciata dall’Autorità Anticorruzione per “limitata concorrenza”.

L’appalto per l’affidamento del servizio triennale di manutenzione ordinaria delle aree a verde pubblico da 4 milioni di euro per la manutenzione triennale del verde pubblico è stato dichiarato “illegittimo” dal commissario dell’Anticorruzione Raffaele Cantone. “Non conforme” alle norme e alla prassi di settore oltre che in contrasto con il principio del cosiddetto favor partecipationis, cioè l’ampliamento della platea delle imprese in gara.

Nel bando riportava il requisito per le imprese partecipanti di aver svolto nell’ultimo triennio “servizi identici” a quelli oggetto dell’affidamento e per almeno un Comune con popolazione non inferiore a 64.000 abitanti e quindi “non appalti destinati ad altre scale territoriali, ancorché con estensione più vasta”.

A presentare un esposto all’Anticorruzione è stata l’azienda Deca Srl, tagliata fuori dall’appalto per quella parola “identici” e altri requisiti, non avrebbe favorito il principio di concorrenza fra l’aziende in gara e per questo ne chiedeva l’annullamento

Un bando sleale che ha fatto scattare l’illegittimità dell’atto del comune di Pomezia.

mader

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *