ANCHE I “GRILLINI” MANGIANO, ANZI S’INGOZZANO A SPESE NOSTRE

image_pdfimage_print

o-GRILLINI-RISTORANTE-CAMERA-570Amavano definirsi anticasta. Ora stanno seduti alla buvette del Senato e mangiano senza sosta, ingordi e voraci. I nuovi onorevoli “cittadini” grillini, rinnegano la loro stessa natura e si “apparecchiano” per gustare a pieno la legislatura.

Camerieri in guanti bianchi e piatti prelibati. Il tutto servito in preziosa porcellana.

Ora anche loro sono casta.

Sono quella casta che odiano, disprezzano e combattono ma che già dopo pochi giorni di legislatura li sta risucchiando. Sono finiti i tempi della “pizza in compagnia”. L’ultima cena col “popolo”, i deputati e i senatori a Cinque Stelle l’hanno consumata il 25 di febbraio, poco dopo i risultati elettorali. Quella sera tutti andarono a cenare al Bar del Fico a Roma per festeggiare l’arrivo in parlamento.

Come sempre, su Facebook, i rigorosi grillini pubblicarono il conto: 1800 euro. E si lamentarono pure per la presenza scomoda di alcuni giornalisti che avrebbero mangiato gratis imbucandosi tra i commensali. Vino della casa, tagliatelle al ragù, amari e qualche dolce tipico. Si vantarono di aver speso a testa solo 10 euro. Da quel momento, della loro mestizia a tavola non si ha più notizia.

Ora, in giacca e cravatta, mangiano tutti i giorni alla buvette. Quella stessa buvette che tanto hanno contestato sul blog di Beppe Grillo.

Il conto meno salato fa gola pure a loro (i recenti ritocchi all’insù non cambiano la realtà dei fatti: per il pranzo, la casta, sgancia di meno).

Pagare poco mangiare tanto.

La quota a carico del deputato è di 15 euro ed il resto del conto, 80-90 euro, è a carico dei contribuenti.

Intanto, forse complice la “panza” piena, in parlamento restano fermi. Dopo quattro giorni di lavori parlamentari i disegni di legge presentati dal Movimento Cinque Stelle in Senato sono fermi a quota zero.

Sui 210 presentati 98 sono stati presentati dal centrosinistra, 68 dal centrodestra, 32 dalla Svp, 9 dai centristi di Monti, 3 di iniziativa popolare.

I “cittadini” grillini, per il momento, sono troppo impegnati a mangiare.

mader

8 thoughts on “ANCHE I “GRILLINI” MANGIANO, ANZI S’INGOZZANO A SPESE NOSTRE

  • 20 Marzo 2013 in 20:54
    Permalink

    Prima delle elezioni, personaggi illustri non lontani da Grillo dicevano che il M5S non era ancora pronto per gestire una escalation a livello nazionale.
    Tralasciando la buona volontà e l’impegno dei singoli eletti, stiamo assistendo da un mese ad una serie continua di gaffe e atteggiamenti che non fanno della coerenza il loro tratto distintivo.
    Sicuramente la sola presenza del M5S sta accelerando una serie di cambiamenti all’interno della politica italiana, la domanda però è: quanto bisogno abbiamo di parlamentari che fanno del dilettantismo il tratto distintivo della loro azione?

    Rispondi
    • 20 Marzo 2013 in 22:27
      Permalink

      Bravo altro articolo di immensa democrazia a sfavore di 8 milioni di italiani che se potessero,e’ presto succedera’ti manderebbero a lavorare la terra!!!

      Rispondi
      • 20 Marzo 2013 in 23:26
        Permalink

        Premesso che so lavorare e molto bene la terra: 1) ti voglio ricordare che in Italia siamo in 62 milioni (prova a fare una semplice operazione matematica); 3) se hai rimostranze falle ai tuoi “cittadini”.

        Rispondi
  • 20 Marzo 2013 in 22:29
    Permalink

    solito articoletto di una classe di giornalisti venduti,8 milioni di italiani la pensano diversamente

    Rispondi
    • 20 Marzo 2013 in 23:11
      Permalink

      La penso come i 53 milioni e rotti di italiani che la pensano diversamente dagli altri 8 milioni e mi dispiace per te ma non sono un giornalista, ma uno che pensa con la propria testa, senza se e senza ma.

      Rispondi
  • 21 Marzo 2013 in 10:39
    Permalink

    Purtroppo i candidati grillini sanno poco o nulla di politica, sarà anche vero che la politica non è una professione, ma certo non ci si può inventare politico dall’oggi al domani. Senza tenere conto che sono stati scelti da una minoranza dei loro stessi votanti.

    Rispondi
  • 21 Marzo 2013 in 11:26
    Permalink

    Ecco in Italia cosa si è bravi a fare, seguire il proprio padrone sminuendo chi invece vuole cercare di cambiare questo sistema corrotto e basato sul clientelismo!
    Qualcuno ne parla di cosa sta facendo l’M5S in Sicilia?! No, perchè ovviamente, bisogna cercare di mettere solo in cattiva luce gli eletti del M5S

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *